SEGRETERIA PER L’ECONOMIA

SEGRETERIA PER L’ECONOMIA

Francesco Lozupone (Avvocato del Foro Civile e del Foro Ecclesiastico)

La Segreteria per l’Economia è un Dicastero della Curia Romana secondo la Costituzione Apostolica Pastor Bonus (art. 2 § 1-2). Essa è stata istituita da Papa Francesco il 24 febbraio 2014 attraverso la Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Fidelis Dispensator et Prudense ha il compito di attuare il controllo e la vigilanza sugli Enti, cioè sulle strutture e sulle attività amministrative e finanziarie dei Dicasteri della Curia Romana, delle istituzioni collegate con la Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano.

La Segreteria per l’Economia fa parte, unitamente al Consiglio per l’Economia e al Revisore Generale, della Nuova Struttura di Coordinamento degli Affari Economici e Amministrativi della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, istituita dal Pontefice con il medesimo Motu Proprio.Rientrano tra le competenze della Segreteria per l’Economia le politiche e le procedure relative agli acquisti e all’adeguata allocazione delle risorse umane, nel rispetto delle competenze proprie di ciascun Ente.

Essa e’ presieduta da un cardinale Prefetto nominato dal Santo Padre ad quinquennium, il quale dirige e rappresenta il Dicastero,  collaborando con il Segretario di Stato. Inoltre, un Prelato Segretario generale ha il compito di coadiuvare il Cardinale Prefetto.

Il 22 febbraio2015 Papa Francesco, come già previsto dal Motu Proprio istitutivo, ha approvato ad experimentum gli Statuti dei nuovi organismi economici, tra cui quello della Segreteria per l’Economia. Lo Statuto ne ha quindi dettagliato natura e competenza, organizzazione interna e struttura.

La struttura interna della Segreteria per l’Economia si articola in due sezioni. La prima, per il controllo e la vigilanza, e la seconda amministrativa. Quest’ultima agisce in collaborazione con la Segreteria di Stato, la quale ha competenza esclusiva sulle materie afferenti alle relazioni con gli stati e con gli altri soggetti di diritto pubblico internazionale. Secondo lo Statuto, su proposta della prima sezione per il Controllo e la Vigilanza, il Prefetto emana decreti esecutivi generali e istruzioni per l’attuazione degli indirizzi e delle norme di cui all’art.2 §1 dello Statuto del Consiglio per l’Economia, che comprendono linee guida, modelli e procedure finalizzate a una efficace pianificazione, alla previsione di bilancio e alla gestione delle risorse umane, finanziarie e materiali affidate ai dicasteri della Curia Romana o alle istituzioni collegate alla Santa Sede o che fanno riferimento ad essa. Sempre la prima Sezione (§ 2) fornisce inoltre assistenza e supporto agli enti e alle amministrazioni, di cui all’art.1, nell’ambito della loro gestione economica e amministrativa. Alla Sezione Amministrativa, la seconda, spetta porre in atto indirizzi, modelli e procedure in materia di appalti, volte ad assicurare che tutti i beni e i servizi richiesti dai dicasteri della Curia Romana e dalle istituzioni collegate alla Santa Sede, o che fanno riferimento ad essa, siano acquisiti nel modo più prudente, efficiente ed economicamente vantaggioso, in conformità a controlli e procedure interne appropriate.

Lo Statuto è entrato in vigore il 1° marzo 2015 eha previsto la predisposizione, da parte della Segreteria per l’Economia, di un proprio Regolamento ai sensi dell’art.1 §2 del Regolamento Generale della Curia Romana, prevedendo che per le materie in esso non disciplinate si applicano le rilevanti disposizioni del Diritto Canonico e del Regolamento generale della Curia Romana.

FONTI

Costituzione Apostolica Pastor Bonussulla Curia Romana, 28.06.1988 (http://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/apost_constitutions/documents/hf_jp-ii_apc_19880628_pastor-bonus-index.html).

Regolamento Generale della Curia Romana, 30.04.1999 (http://www.vatican.va/roman_curia/secretariat_state/1999/documents/rc_seg-st_19990430_regolamento-curia-romana_it.html).

Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Fidelis Dispensator et Prudens, 24.02.14(http://w2.vatican.va/content/francesco/it/motu_proprio/documents/papa-francesco-motu-proprio_20140224_fidelis-dispensator-et-prudens.html).

Statuti dei Nuovi Organismi Economici, 22.02.15 (http://w2.vatican.va/content/francesco/it/motu_proprio/documents/papa-francesco_20150222_statuti-segreteria-per-economia.html).

BIBLIOGRAFIA

Zalbidea D., La reorganización económica de la Santa Sede. Balance y perspectivas, «IusCanonicum» 54 (2014) 221-251.

Cozzolino, M., Primi interventi di Papa Francesco per una riforma degli organismi economico-finanziari della Curia romana: spunti di riflessione, in G. Boni, E.Camassa, P. Cavana, P. Lillo, V. Turchi (cur.), Recte sapere. Studi in onore di Giuseppe Dalla Torre, Torino 2014, p. 229-242.

Lozupone F., La gestione trasparente risorsa per la comunità, in F. Lozupone (a cura di), Corresponsabilità e trasparenza nell’amministrazione dei beni della Chiesa, Ariccia 2015, p. 17-29.

Miñambres J., Corresponsabilità e amministrazione dei beni della Chiesa,in F. Lozupone (a cura di), Corresponsabilità e trasparenza nell’amministrazione dei beni della Chiesa, Ariccia 2015, p. 81-100.

Rivella M., Dal Consiglio dei quindici Cardinali al Consiglio per l’Economia, in F. Lozupone (a cura di), Corresponsabilità e trasparenza nell’amministrazione dei beni della Chiesa, Ariccia 2015, p. 101-111.

Miñambres, J., Riorganizzazione economica della Curia Romana: considerazioni giuridiche “in corso d’opera”, «IusEcclesiae» 27 (2015) 141-155.

Miñambres, J., Primi rilievi sugli Statuti dei nuovi organismi economici della Santa Sede, «IusEcclesiae» 27 (2015) 482-504.

Zalbidea D., Comentario a los nuevos estatutos de los organismos económicos de la Santa Sede,«IusCanonicum» 55 (2015) 365-371.

Sarais A., Le recenti scelte normative in materia di amministrazione dei beni temporali da parte della Santa Sede, in I beni temporali nella comunione ecclesiale, Milano 2016, p. 177-207.

Zalbidea D., Delimitación de competencias de la Secretaría de asuntoseconómicos en relación con la Administracióndel Patrimonio de la Sede Apostólica, «IusCanonicum»56 (2016) 787-795.


<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: